IRIAD Review 

Giugno 2018

"Africa: terre sottratte"

Il land grabbing, fenomeno ampiamente diffuso nei paesi in via di sviluppo, è praticato da imprese multinazionali e da governi stranieri con l’obiettivo di massimizzare i propri profitti e comporta conseguenze disastrose per l’ambiente, la popolazione locale e l’ecosistema. L’Africa risulta essere il continente più vessato. In questo numero:

  • Il paper di Naomi Bellucci analizza l’impatto del land grabbing sul continente nero, prendendo in considerazione l’erosione dei diritti umani e dei diritti delle donne, la devastazione ambientale, gli idroconflitti e le conseguenze sul processo migratorio.
  • Il secondo articolo, "Spese militari 2017: una panoramica mondiale" di Giulia Ferri, è un'analisi  sui dati pubblicati dal SIPRI (Stockholm International Peace Research Institute)  relativi all'andamento delle spese militari nel mondo nel 2017.
  • Il Focus di Maurizio Simoncelli "Le sfide ambientali in un mondo globalizzato"
  • Un contributo per la rubrica Archivio libri.

Clicca qui per leggere la rivista

Torna indietro