Il Servizio Civile Universale è un modo di difendere la patria, il cui "dovere", sancito dall'art. 52 della Costituzione spetta ad ogni cittadino; il concetto di difesa non è riferibile esclusivamente al territorio dello Stato e alla tutela dei suoi confini esterni, quanto alla condivisione di valori comuni e fondanti l'ordinamento democratico. A questo ideale è ispirato il Servizio Civile Universale.

Esso si volge su base esclusivamente volontaria e può essere compiuto dai giovani di età compresa 18 ai 28 anni che vogliano dedicare un anno della propria vita a favore di un impegno solidaristico per il bene di tutti e di ciascuno, promuovendo così la coesione sociale.

Il Servizio Civile garantisce ai giovani una forte valenza educativa e formativa, una importante e spesso unica occasione di crescita personale, una opportunità di educazione alla cittadinanza attiva, contribuendo allo sviluppo sociale, culturale ed economico del nostro Paese.

Chi sceglie di impegnarsi per dodici mesi nel Servizio Civile, sceglie di aggiungere un'esperienza qualificante al proprio bagaglio di conoscenze, spendibile nel corso della vita lavorativa, e nel contempo assicura una sia pur minima autonomia economica. 

 

Servizio Civile Universale e Archivio Disarmo: una tradizione trentennale

Dal 1985 al 2004, Archivio Disarmo è stato convenzionato con il Ministero della Difesa per la presentazione del servizio civile sostitutivo. 

Archivio Disarmo è ora ente riconosciuto per la prestazione del servizio civile volontario che consente ai giovani di entrambi i sessi di svolgere un periodo di 12 mesi come documentarista e ricercatore sui temi della pace e del disarmo.

A partire dal 2012, data dell'istituzione del servizio civile volontario, ha curato progetti dedicati alla ricerca e alla educazione alla pace costantemente approvati dall'Ufficio per Servizio Civile Nazionale.

Nel vasto panorama delle associazioni italiane ove è possibile svolgere il Servizio, Archivio Disarmo presenta una specificità significativa. Tra i pochissimi in Italia, realizza studi, pubblica articoli e libri, organizza corsi di formazione sull'approccio nonviolento nella gestione dei conflitti, sul controllo degli armamenti convenzionali e non e sulla cooperazione internazionale, senza prescindere da un'adeguata valutazione delle esigenze della difesa del Paese e della sicurezza internazionale.

L'Istituto è accreditato presso l'albo regionale del Lazio come ente di quarta classe.