Comunicato Stampa 

11 Giugno 2020

"Tra i paesi nostri clienti dell'area euro mediterranea vi è l’Egitto, il cui presidente al-Sisi, al potere in Egitto dopo il colpo di stato del 2013, sostiene il generale Haftar, appoggiato dalla Russia e da tempo in guerra contro il governo di al-Sarrāj, riconosciuto dalla comunità internazionale e dall’Italia.

Nonostante la dittatura militare e le note violazioni dei diritti umani, tra cui rientrano anche la vicenda del giovane italiano Giulio Regeni (2016) e quella più recente di Patrick Zaky (2020), Il Cairo ha ricevuto dal 2016 al 2019 dall’Italia armi e munizioni per 955,3 milioni di euro."

 

Leggi qui il comunicato