Comunicato Stampa ENAAT e RETE DISARMO 

 

Brussels/Roma 3 Luglio 2018

 

Il Parlamento Europeo permette un nuovo passo verso la
militarizzazione dell'Unione Europea e lo sviluppo di armi
controverse


La posizione di ENAAT (la rete europea delle organizzazioni della società civile che
si occupa di commercio di armi, di cui Rete Disarmo fa parte) sul voto di oggi a
Strasburgo

 

Oggi il Parlamento europeo ha adottato il “Programma europeo di sviluppo industriale per la difesa” (EDIDP) proposto dalla Commissione Europea nel giugno 2017, come precursore dell'imminente Fondo europeo per la Difesa.

Questo programma sposterà ogni anno almeno 500 milioni di euro del bilancio globale UE 2019-2020 verso lo sviluppo di nuove armi, comprese tecnologie militari controverse quali i sistemi d'arma senza equipaggio o completamente autonomi. Ciò aprirà la strada ai droni armati europei e probabilmente ai cosiddetti “killer robots”, che potrebbero poi essere utilizzati e venduti al di fuori dell'Europa in base agli interessi nazionali dei singoli Stati membri.

La Rete europea contro il commercio di armi (ENAAT) è molto preoccupata per l'adozione di tale programma che andrà direttamente a sovvenzionare l'industria degli armamenti.

 

Leggi il comunicato stampa